Crusades
Le Crociate o Crociate in genere è un termine attualmente dato a un gruppo di campagne e guerre compiute dagli europei dalla fine dell'XI secolo fino all'ultimo terzo del XIII secolo (1096 - 1291), in cui si compivano campagne religiose e sotto lo stemma della croce per difenderlo, per raggiungere il loro scopo principale, che è quello di controllare le terre sante come Gerusalemme, hanno quindi cucito sulle loro vesti sul petto e sulla spalla il segno della croce di colore rosso stoffa. Il motivo principale della caduta dei Bizantini fu la devastazione causata dalle prime campagne di passaggio per Bisanzio (la città di Costantinopoli), capitale dell'Impero Bizantino, e la trasformazione delle successive campagne verso di essa. Le crociate furono una serie di conflitti militari di natura religiosa che la maggior parte dell'Europa cristiana combatté contro quelle che consideravano minacce esterne e interne. Le crociate erano dirette contro un certo numero di gruppi etnici e religiosi che includevano musulmani, pagani slavi, cristiani russi e greco-ortodossi, mongoli e nemici politici dei papi. I crociati accettavano promesse e concedevano indulgenze. Le stime mettono il numero di vittime nelle crociate tra 1 milione e circa 3 milioni. Lo scopo delle Crociate era originariamente quello di impadronirsi di Gerusalemme e della Terra Santa che era sotto il controllo musulmano, e questa base fu originariamente lanciata in risposta a un appello dell'Impero bizantino ortodosso orientale di aiutarli contro l'espansione dei musulmani rappresentati dai Selgiuchidi in Anatolia. Il termine crociate è usato anche per descrivere guerre contemporanee e successive attraverso campagne fino al XVI secolo nelle regioni, che non si limitavano al solo Levante, ma prendevano di mira anche i pagani del nord Europa, e ciò che la credenza cristiana considerava “eretici ”, e i popoli soggetti al divieto di espulsione per un insieme di ragioni religiose, economiche, e di ragioni politiche. Le rivalità scoppiate tra cristiani e musulmani allo stesso modo per l'autorità portarono all'emergere di alleanze tra fazioni religiose contro i loro oppositori, come l'alleanza cristiana con il Sultanato di Roma durante la Quinta Crociata. L'impatto delle Crociate è stato di vasta portata politicamente, economicamente e socialmente, alcune delle quali sono persistite fino ai tempi contemporanei. A causa di conflitti interni tra i regni cristiani e le potenze politiche, alcune missioni crociate furono dirottate dall'obiettivo originale, come la Quarta Crociata, che portò all'invasione della Costantinopoli cristiana e alla divisione dell'Impero Bizantino tra Venezia ei Crociati. La sesta crociata fu la prima crociata senza la benedizione del papa e stabilì un precedente secondo cui i governanti politici avevano avviato una crociata senza fare riferimento al capo della Chiesa cattolica. Gli storici moderni hanno opinioni molto diverse sui crociati. Per alcuni, il loro comportamento era in contrasto con gli obiettivi dichiarati e la tacita autorità morale del papato, come dimostra il fatto che il Papa occasionalmente scomunicava i crociati. I crociati spesso saccheggiavano mentre viaggiavano e i loro capi generalmente mantenevano il controllo delle terre catturate piuttosto che restituirle ai bizantini. Durante la Crociata popolare, molti ebrei furono assassinati in quelli che oggi vengono chiamati i pogrom della Renania. Costantinopoli fu occupata durante la Quarta Crociata. Tuttavia, le crociate ebbero un profondo effetto sulla civiltà occidentale: le città-stato italiane ottennero importanti concessioni in cambio dell'aiuto dei crociati e stabilirono colonie che consentirono il commercio con i mercati orientali anche nel periodo ottomano, permettendo a Genova e Venezia di prosperare. I crociati consolidarono l'identità collettiva della Chiesa latina sotto la guida del papato. Erano la fonte delle narrazioni di eroismo, cavalleria e pietà che promuovevano il romanticismo, la filosofia e la letteratura medievali. Come fu il risultato delle restanti campagne crociate è che hanno aumentato la separazione e lo scisma del cristianesimo occidentale dalla sua controparte orientale, sebbene l'obiettivo di inviare la Chiesa cattolica per la prima campagna fosse originariamente teorico per soddisfare l'invito dell'imperatore di Bisanzio Alessio I Comneno per aiutare a respingere le invasioni selgiuchide di Bisanzio.